Tre metri sopra il cielo (Federico Moccia)

Immagini della community

Tre metri sopra il cielo (Federico Moccia)

Le ragazze vestono secondo le mode dell'ultimo minuto. I ragazzi girano con i loro scooter o, meglio, con la BMW lunga, magari rubata al papà. Le raga...

> Vedi le caratteristiche

70% positiva

194 opinioni degli utenti

Opinione su "Tre metri sopra il cielo (Federico Moccia)"

pubblicata 22/01/2016 | flymax
Iscritto da : 08/06/2004
Opinioni : 137
Fiducie ricevute : 10
Su di me :
Diffidate delle opinioni completamente positive. Nessuno è perfetto.
Buono
Vantaggi Libro che fa sognare…
Svantaggi …il risveglio è brusco, la storia è ingiusta
molto utile
Contenuti
Reperibilità
Layout:
Qualità Materiale

"3MSC - In arrivo per il 9 febbraio il seguito…"

Finalmente l'ho finito, finalmente sono arrivata all'ultima pagina...per me, è stata una sofferenza, sarò una voce al di fuori dal coro, forse, ma leggere questo libro ad un certo punto è stato come girare un coltello in una piaga...Non c'è stato un motivo preciso, non ho rivissuto un qualcosa, non ho legami particolari con i personaggi, anche se Babi è stato un tempo un mio soprannome, credo che la sofferenza sia dovuto alla storia, che ho ritenuto ingiusta.

Prima di proseguire la lettura, vi avverto che citerò alcuni fatti…se non l'avete già letto, vi rovinerò la sorpresa della lettura…E questo libro va letto d'un fiato, senza conoscerne una riga!
Preciso anche che non sono riuscita a farmi un'opinione precisa, non c'è un "bello" o un "brutto" definitivo per me, c'è solo qualche consiglio e qualche rilievo da fare. Credo sia comunque un libro che merita di essere letto, ma con alcune controindicazioni.

La storia in breve: Babi, ragazza romana di buona famiglia, benestante, ottima studentessa di una scuola privata, tipa tranquilla, un po' timida, non ha mai dato pensieri ai propri genitori. La sua vita scorre tra la scuola, le amiche tutte firmate, le feste in ambienti di lusso, le serate in casa in vestaglia. Step, è un violento, un picchiatore, ha finito la scuola ma non si iscrive all'Università, né lavora, passa le giornate con gli amici al bar, al biliardo, sempre in moto, la stessa con cui partecipa a gare clandestine, sempre correndo, sempre rischiando la vita, per dimostrare di essere vivo.
Due mondi assolutamente diversi, ma finiscono per incontrarsi e innamorarsi. Non è un rapporto semplice, ognuno appartiene al proprio mondo, e come i poli opposti si attraggono, si respingono anche. Eppure si trasformano entrambi. Babi diventa donna, irriconoscibile agli occhi dei genitori, irrequieta, ma innamorata. Step diventa romantico e svela l'origine traumatica del suo essere violento e picchiatore. Il culmine del romanzo è nella loro prima volta, quando assolutamente innamorati, raggiungono insieme il posto degli innamorati, su su…Tre metri sopra il cielo.
Tutto fila liscio finchè…il tempo e l'ambiente esterno non li logora: litigi, discussioni, entrambi disorientati nel mondo dell'altro, l'incomprensione che si scatena tra di loro ogni volta che scendono da quei tre metri…e finchè non muore Pollo, il migliore amico di Step ed il ragazzo di Pallina, la migliore amica di lei, di Babi. Muore durante una corsa finita male, e Step si sente in colpa, perché quella sera era ad una stupida festa nello chic degli amici di Babi…
Qualcosa si rompe in loro…e Babi lo lascia, rudemente, per telefono…E Step si chiede se mai tornerà in quel posto lassù…già conoscendo la risposta.

I primi capitoli sono un'escalation continua di emozioni, l'incontro-scontro dei due protagonisti, la descrizione dei loro diversi ambienti, i loro incontri, gli sguardi intensi, il detto-non detto, le difficoltà con le famiglie e gli amici, le fughe nella notte, fino alla loro prima volta, così tenera e romantica. Il tutto raccontato con un linguaggio semplice, diretto, tipico dei giovani, ma anche estremamente poetico.
Gli ultimi due capitoli invece sono il brusco risveglio della storia, in quelle poche pagine si spiegano troppi avvenimenti, e così repentinamente: la velocità della scrittura però dà il senso della sofferenza che entrambi hanno provato, ed in poche pagine si concentra tutto il succo del romanzo, rivalutandolo.

Non ho un'opinione unica su questo libro, dipende da come lo si guarda.
Per gli adolescenti, è un bell'Harmony, un po' più sostanzioso e senza happy end. Le scene sono bene descritte, sono esattamente le parole che piacciono alle ragazzine per sognare e immedesimarsi in Babi: il bello del quartiere, il duro, il più ambito che sceglie proprio lei, i batticuore che la bloccano, le prime scoperte del sesso, le fughe dal mondo dei grandi, la prima volta...tutto molto ben scritto.
Oltretutto la caratterizzazione dei personaggi è talmente banale, che sicuramente qualcuno vi si riconosce...I personaggi sono abbastanza standard: il bello e tenebroso, l'amico, la studentessa di buona famiglia ma timida, l'amica meno timida, la mamma cattiva, il papà succube della mamma cattiva, il fratello di lui imbranato, la professoressa acida e zitella…

Gli adolescenti però sono ben descritti, e rappresentati con una propria identità, mentre i genitori sono inconsistenti, assurdi, inesistenti, dei "farlocchi" proprio...e questo, non a caso, piace ai giovani perchè rispecchia la loro mentalità ed il loro scontro con la generazione maggiore.
In sostanza, il libro dice proprio quello che i ragazzi vogliono sentirsi dire, senza però insegnarli altro di più.

La storia ha poi dei finti colpi di scena che ci si può aspettare, come la morte del migliore amico di lui che interviene decisivo nel romanzo...C'è sempre qualcuno che muore o sta male nei grandi romanzi! Ed ovviamente non è un happy end....e che che ne dica lo scrittore, ha scelto questa fine perchè così si è tenuto aperto lo spazio per il numero 2 (questa è una furbata che non mi è piaciuta) non perchè "i ragazzi devono imparare che non tutto finisce bene".
Se era grande amore non finiva così...

Ed ecco perché considero la storia ingiusta, non insegna nulla di buono. Non dà una spiegazione plausibile, un'intermediazione tra ragazzi e genitori, non spiega che vi è sempre l'altra faccia della medaglia. E soprattutto dà un'interpretazione errata dell'amore.
I tre metri sopra al cielo non sono un posto esclusivo, si raggiungono sempre, da 12 anni a 90 anni, non è questione di sesso, non è questione di essere incoscienti, giovani e belli, è semplicemente questione di amare sinceramente...allora il cielo è lì, a portata di mano!

Ma poi, si può mollare uno STEP per un ALFREDO??? Solo perchè Step ha visto sua madre tradire il padre e la famiglia, perché non lo ha difeso nemmeno in tribunale? Per questo rimarrà violento a vita? E Babi non era così forte e così innamorata da capirlo? Le piace di più la vita comoda con un Alfredo ricco e tranquillo che arrivare di nuovo tre metri sopra al cielo con il suo Step?

Per il prossimo 9 febbraio è in arrivo il numero 2, si intitlerà "HO VOGLIA DI TE", come anticipa lo scrittore nel suo blog:
http://www.feltrinelli.it/BlogItem?item_id=1087

Se io fossi la Vita, vorrei davvero che andasse così…
IO e TE ...e NESSUN'ALTRO

"E' passato un anno…E' di nuovo in arrivo il Natale. Le luci sono già accese per le strade, si respira già quell'aria di festa e di shopping sfrenato, ed il freddo si fa più intenso. Non c'è ancora la neve.
Step si guarda in giro, sembrano tutti felici, no, lui non lo è. E' stato un anno duro, di ripresa, di leccarsi le ferite nella propria tana, di raccogliere cocci e pensieri. Si è iscritto all'Università, ma solo per accontentare suo padre, non può diventare un bocconiano come suo fratello Paolo, sarebbe incoerente, come il suo pesciolino, no?
La maggior parte del tempo lo passa da Sergio, il meccanico. Già proprio lui. Sergio non può fidarsi di Mariolino, in questo lavoro ci vuole passione, ma deve lasciare qualcosa a suo figlio. Così lui e Step si sono messi in società ed hanno ingrandito il garage: Sergio ci mette i soldi, e Step il lavoro.
Così adesso hanno addirittura un piccolo "racing team": partecipano alle corse regionali, fornendo assistenza e materiale. Step organizza il tutto, mentre Sergio continua il normale lavoro dell'officina. Ma non corrono.
Step non corre più. Ha ancora la sua moto, non la venderà mai, ma non corre più. Ogni volta che accelera gli si para davanti la faccia di Pollo "Aho, non te scordà de me…"
Pollo, quanto gli manca il vecchio amico. E quanto manca ancora a Pallina, sembra non farsene una ragione. Pallina adesso disegna, è diventata già una fumettista, anche se non ha ancora finito il corso all'istituto di grafica. Ed è riuscita a modo suo a far rivivere Pollo: nelle pagine del suo fumetto, in edicola, si vede un ragazzo col giubbotto in sella ad una moto…ed i tratti del viso sono proprio i suoi. Pallina gli ha anche regalato delle tavole originali, le ha appese in camera.
E l'amore? No, non ha più toccato quei tre metri, le storie si susseguono, banali ed insipide, ma non ha più ritrovato la sua Babi…"

Trovate il seguito su webnauta.it

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 3843 volte e valutata
68% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • tonymart pubblicata 26/12/2016
    Ottima opinione
  • Ghe93 pubblicata 22/01/2016
    Ok
  • Silv_IA pubblicata 22/01/2016
    davvero ottima
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Tre metri sopra il cielo (Federico Moccia)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Le ragazze vestono secondo le mode dell'ultimo minuto. I ragazzi girano con i loro scooter o, meglio, con la BMW lunga, magari rubata al papà. Le ragazze si preparano ad incontrare il ragazzo della loro vita. I ragazzi si sfidano in prove di resistenza fisica, di velocità, di rischio. Sullo sfondo di una frenetica vita di clan, Stefano, detto Step, e Babi si incontrano. Lei ottima studentessa, lui ottimo picchiatore, violento, passa i pomeriggi in piazza davanti al bar o in palestra, la sera in moto o nella bisca dove gioca a biliardo. Appartengono a due mondi diversi, ma finiscono per innamorarsi. Un romanzo di vite quotidiane, di noia, di fatica, di adrenalina e di violenza.

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788807840395

Tipologia del prodotto: Libro in brossura

Categoria commerciale: tascabile

Autore: Federico Moccia

Numero totale di pagine: 319

Alice Classification: Letteratura Italiana: Testi

Letture specifche per: Età: a partire dai 14 anni (giovani adulti)

Editore: Feltrinelli

Data di pubblicazione: 2004

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 23/05/2004