Trenitalia

Immagini della community

Trenitalia

> Vedi le caratteristiche

38% positiva

259 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Trenitalia"

pubblicata 31/07/2008 | gallastruzzo
Iscritto da : 20/06/2008
Opinioni : 281
Fiducie ricevute : 71
Su di me :
...
Non fa per me
Vantaggi +++
Svantaggi +++
molto utile
Assistenza /Informazioni:
Pulizia:
Puntualità negli arrivi/partenze:

"Semel in anno licet insanire"

Ma quant'è bella la Stazione di Milano.

Può contenere l'intero genere umano, compresi i cinesi.
L'Ufficio Informazioni ha la stessa coda di uno Pterosauro,
ma se prendi il "numerino" oggi, sicuramente il tuo
pronipote riuscira'a parlare con l'addetto
prima che il tuo cognome si estingua.

Mentre sei in fila verrai avvicinato da variegati
venditori di spille e tu, animo sensibile,le comprerai tutte.

Ce n'è una per i drogati in fase di disintossicazione.
Ce n'è una per ragazze madri in fase di reintegrazione.

In cambio di un'offerta simbolica, ti aggiudicherai una penna.
Quei soldi cureranno una rara malattia tropicale
che colpisce i giovani rendendoli schiavi del "Tavernello".

Qui troverai i souvenirs di tutt'Italia.
Qui vendono miniature di Trulli, Carretti Siciliani,
minuscole Torri di Pisa e cartoline del Duomo di Firenze.
E' il posto ideale per cornificare tua moglie.
Al tuo ritorno potrai raccontargli d'essere stato
praticamente ovunque, provandolo con un "ricordino".

"Scusa hai mica qualche spicciolo per il supplemento?"
Il supplemento, s'intende, è di MDMA per la serata di Mario Piu'.

Ti guardi intorno e vedi Madonnine che piangono
nonostante le luci psichedeliche che le circondano,
Gesù si sta trasfigurando in un Mel Gibson sofferente
e un barbone dorme proprio sopra il tuo carrello portabagagli.

Ma quant'è bella la Stazione di Milano.

Quante lingue, quante etnie, ma i "milanesi" li riconosci sempre.
Sono quelli che sbagliano tutti gli accenti delle vocali.
Usano la "E" aperta dove l'italiano prevede quella chiusa, e
viceversa.
Dicono "Tempo" con la "E" chiusa e finiscono la parola "Perchè"
con la "E" aperta, come in "Terra".
Forse qualcuno di loro si girera' alle colorite imprecazioni
che userai alla vista della stampa del Duomo
che hai appena acquistato a 15 Euro, e che ora,
10 metri piu avanti, ne costa 5.

Il tuo treno sta partendo, corri.
Incredulo scoprirai da un volantino svolazzante che
"Binario Uno" è anche il nome di una Discoteca Gay,
ma non hai tempo per leggere e speri solo di andare via velocemente.

Sali sulla tua vettura e ti stupisci del numero impressionante
di persone che può contenere, per un attimo credi di trovarti
su un convoglio per la deportazione a Dachau, ma poi
pensi che almeno loro viaggiarono gratis.

Sei costretto in piedi tra una carrozza e l'altra
e l'effluvio che fuoriesce dalla porta del cesso,
ti sta togliendo ad ogni inspirazione almeno 2 anni di vita.

Un giornalino pesticciato e umido d'urine extracomunitarie,
reca la scritta "Riflessi", cerchi di aprirlo utilizzando i piedi.
Leggi di una mostra su Leonardo Da Vinci,
sarebbe sicuramente interessante, ma la fanno a Catania.

Volgi lo sguardo verso la porta cigolante,
un individuo con un carrello si fa spazio tra i viaggiatori.
Vende bottigliette d'acqua ad un prezzo lievemente superiore
a quello della benzina, decidi che va bene, perchè
la disidratazione ti ha annebbiato i sensi.

Bologna è giunta e qualcuno scende, finalmente trovi
un posto a sedere in uno scompartimento.
Insieme a te varia umanita'.

C'è uno che dorme appoggiandosi all'appendice del sedile,
che è lezzo a tal punto che anche i batteri
sono scesi a Bologna.
C'è una ragazza con l'I-Pod, che presa com'è
dall'album dei Tokyo Hotel non sente la voce
uscire dall'altoparlante:

"Grazie per aver scelto Trenitalia"

Nonostante la stanchezza e la scarsa lucidita' mentale,
trovo la forza di alzarmi in piedi e rispondere
all'annuncio:

"Grazie di che? Ci siete solo voi."


Un attimo di silenzio, qualcuno mi squadra da capo a piedi,
poi il treno ricomincia la sua dondolante corsa.

Una volta all'anno è lecito anche impazzire.
Lo disse anche Seneca.
"Semel in anno licet insanire."

Guardo fuori dal finestrino,
la mia Isola è ancora lontana.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 1171 volte e valutata
55% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Rossella1978 pubblicata 15/10/2012
    accidenti!
  • HelloFlawless pubblicata 06/10/2012
    Meravigliosa xD
  • mafaccialei pubblicata 07/09/2008
    e con questa .. ho già seccato un giorno intero di votazioni eccellenti! ripasso .. :-)
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Informazioni sul prodotto : Trenitalia

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 05/01/2006