Opinione su "Tunisair (Tu)"

pubblicata 15/06/2001 | pino.nespoli
Iscritto da : 24/01/2001
Opinioni : 654
Fiducie ricevute : 319
Su di me :
Accettabile
Vantaggi Finche' Allah li protegge ........
Svantaggi E' quando Allah ha altro da fare che sono guai ......
molto utile
SERVIZI A BORDO
SERVIZI A TERRA
RAPPORTO PREZZO/QUALITA'
Puntualità negli arrivi/partenze:

"AD ALLAH PIACENDO ....... ATTERREREMO ...."

TUNISAIR: ovvero TU Non Incazzarti, Se Allah Interviene Rilassati.
Questo è un po’ il senso del nome.

Ho volato con Tunisair la prima volta circa 18 anni fa. Dovevo andare a Djerba e poi ad Hammameth con un tour operator (AVIATOUR) che penso sia scomparso. Volo di linea Alitalia da Milano a Roma, poi Tunis Air da Roma a Tunisi (e qui tutto bene). A Tunisi check in per Djerba: non siamo prenotati. Abbiamo un regolare biglietto di linea, validato e confermato, ma a loro non risulta. Io me la prendo con il povero addetto al check in in inglese. Questo l’inglese non lo capisce ma capisce che sono furioso. Interviene la mia ragazza che il francese lo parla: dopo 20 minuti ci dicono che avevano confuso I nomi (che sapesse leggere solo l’arabo)? E ci imbarcano.
Dopo una settimana andiamo all’aeroporto di Djerba con destinazione Tunisi alle 13.30. Il volo (confermato) è alle 15.00. A Djerba quasi vent’anni fa l’aeroporto era un gabbiotto di legno o poco piu’ nel deserto ed era aperto da un’ora e mezza prima del volo, fino a mezz’ora dopo. C’è un nuovissimo 727 sulla pista, andiamo al check in e ci dicono di aspettare. Mezz’ora prima dell’orario di partenza ci comunicano che………….. I passeggeri da Djerba a Tunisi sono solo 12, cosi’ Tunis Air, visto che avevano bisogno di un eoromobile da spostare a Tozeur per andare a Parigi, fa partire il 727 e ci dice di tornare a prendere il prossimo volo ALLE 23,15 !!!!!!!!!!!!!!
L’aeroporto chiude, siamo a 10 km dall’hotel e ci facciamo una lunga passegiata (I bagagli ce li hanno etichettati per fortuna) e qualche drink nei ber (?) vicino (a un paio di kilometri) dove Tunisini in costume berbero ci guardano come due imbecilli a spasso per il deserto senza meta. Ma non finisce qui !!!!!!!
Alle 23.15 partiamo regolarissimamente con una altro Boeing 727 nuovo di pacca. Sono 40 minuti di volo e se fossimo partiti alle 15.00 in macchina saremmo arrivati prima ma non ci avevamo pensato.
Verso mezzanotte (era agosto !!!!!) siamo su Tunisi illuminata (fatti quattro conti per la una siamo in albergo ad Hammameth); noi eravamo sull’ala e sentiamo un rumorino metallico sordo.
Non ho mai avuto paura di volare (tranne la prima volta, ma non era proprio paura di volare, era solo che quel giorno li’, qualche anno prima, la mattina prima del volo ero andato in bagno undici volte, e quindi in aereo di paura non ne avevo piu’, cercavo solo di riportaree diritto l’aereo tirando il seggiolino di quello che mi stava davanti ogni volta che il pilota curvava).
Dicevo non avevo paura, d’altronde avevo già fatto un’altra ventina di voli a quei tempi, ma mi pareva proprio che il carrello non uscisse. Stiamo per atterrare e l’aereo si rialza. L’hostess gentilissima informa che entro dieci minuti saremmo atterrati: mah, giro panoramico?
Il pilota ripunta l’aeroporto e sentiamo lo stesso rumore metallico sotto di noi; l’hostess gentilissima informa che per ragioni di traffico aereo atterreremo tra venti minuti (ora dico io, a mezzanotte di un giorno di Agosto, su Tunisi, vent’anni fa, di aerei in tutto il cielo del Magreb ce ne saranno stati due o tre. Dico io: tutti a fare il giro panoramico a Tunisi?) La mia ragazza comincia a sospettare qualcosa, anche perchè io esco con una splendida frase tranquillizzante: qui il carrello non esce, ci fanno atterrare sulla pancia sulla schiuma …………………..
Pensate un po’ dopo 10 minuti ripuntiamo l’aeroporto che è illuminato a giorno con luci lampeggianti. A quel punto lei comincia a crederci !!!!!!!!!!!!
Poi il solito rumorino e un bel TU TUM: il carrello era sceso.
Atterriamo in un aeroporto che sembrava la Piedigrotta a Napoli: luci, pompieri, ambulanze, polizia, mezzalune rosse dappertutto, rete di protezione 300 mt davanti al muso dell’aereo, sani e salvi. Avevo proprio sbagliato: la schiuma in pista non c’era……………………..

Dopo parecchi anni torno in Tunisia, a Monastir (sono stato in Tunisia 4 volte e qualche volta vi dico qualcosa).
Volo diretto da Milano ma aeromobile fornito da Tunisair. Lo scopro all’aeroporto in partenza. Incubo. Ma va, non sarà mica sempre cosi’. Vero, la ragazza che mi accompagnava era un’altra.
Saliamo, aereo bellissimo, confortevole (il cibo poi si rivelerà una schifezza, ma sono voli charterizzati ….).
Lo stewart comincia con la solita tiritera su cinture di sicurezza, uscite d’emergenza, ecc.
A quel punto della mia vita, per lavoro o per turismo avevo già violato per almeno 300 tratte. Figuratevi se lo stavo a sentire, mi metto a leggere il giornale.
E sto simpaticone cosa ti va ad inventare? In francese ed in arabo, non capisco nulla, ma quando lo dice in inglese………
‘Benvenutoi sul volo XYZ della Tunisair. Ad Allah piacendo, tra due ore di volo atterreremo all’aeroporto di Monastir’ (e se ad Allah non piacesse?) ‘Ci auguriamo che il vostro volo sia confortevole ma in caso di pericolo sotto la vostra poltrona trovate un salvagente; usatelo solo se ammariamo, seno’ non serve a niente. In questo caso saremmo vicini alle coste tunisine e qualcuno vi verrà a prendere e vi porterà a Monatir in barca. Siete pregati di allacciare le cinture di sicurezza e di tenerle allacciate per tutto il volo anche se il tempo è bello; slacciatele solo nel caso di atterraggio di fortuna; questo vi faciliterà nell’evacuazione dell’aereo’.

Giuro che parlo inglese ogni giorno e sono convinto di aver capito benissimo il suo inglese vagamente francesizzato, mi sono anche divertito (ma sono stato l’unico), il volo è andato benissimo ed anche il ritorno dove almeno c’era un po’ piu’ di professionalità.

Mi è pero’ venuto un dubbio atroce: e se non avessi capito bene la lingua? Mi sono iscritto ad un corso di arabo. Ho imparato poco ma la prossima volta un paio di parolacce a quallo li’ in arabo gliele dico, altrochè se gliele dico.

Di quando siamo partiti e fermati prima del decollo in Olanda perchè l’aereo aveva una ruota bucata e dell’atterraggio ‘tecnico’ a Santa Maria di Leuca venendo da Santorini perchè avevamo un motore in avaria ed avevamo finito la benzina ve ne parlo magari un’altra volta.

Morale: sono ancora vivo e vegeto: certo che c’ho un bel culo io !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 7875 volte e valutata
88% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • nisgiulia pubblicata 07/08/2007
    domenica ho il volo,speriamo di piacere ad allah...
  • tinkerbell pubblicata 08/03/2007
    Ciao commento molto divertente sicuramente ma non mi sembra ti sia poi capitato chissa' cosa sulla tunisair a parte il fatto del carrello! La frase puo' inquietare comunque se è una formula che usano loro non è neanche poi tanto grave non ci fai caso e basta! Certo andare su un alitalia e sentir dire "se dio vuole attereremo tra due ore" a roma farebbe un po' impressione lo ammetto! Ripeto mi sembra pero' che i tuoi voli con la tunisair siano andati abbastanza bene dopotutto
  • fede1986 pubblicata 14/07/2006
    ecccellente è dir poco....mi sono fatta mille risate e....non prenderò mai l'aereo se ci sei tu segnato nella lista dei passeggeriiii!!!!!!!
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Tunisair (Tu)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Caratteristiche Tecniche

paese di appartenenza: Tunisia

Ciao

Su Ciao da: 26/07/2000