Un altro giro di giostra. Viaggio nel male e nel bene del nostro tempo (Tiziano Terzani)

Immagini della community

Un altro giro di giostra. Viaggio nel male e nel bene del nostro tempo (Tiziano Terzani)

Viaggiare è sempre stato per Tiziano Terzani un modo di vivere e così, quando gli viene annunciato che la sua vita è ora in pericolo, mettersi in viag...

> Vedi le caratteristiche

96% positiva

27 opinioni degli utenti

Opinione su "Un altro giro di giostra. Viaggio nel male e nel bene del nostro tempo (Tiziano Terzani)"

pubblicata 26/06/2013 | Fefy
Iscritto da : 19/06/2001
Opinioni : 518
Fiducie ricevute : 109
Su di me :
Click circle? No grazie! :) Leggetemi se vi interessa quello che scrivo, io vi leggerò se mi interessa quello che scrivete.
Ottimo
Vantaggi un grande viaggio, una rivoluzione
Svantaggi nessuno
Eccellente
Contenuti
Reperibilità
Qualià Materiale

"Sulla giostra con Tiziano..."

In questo viaggio che parte dalla fine ( per me) fra i libri di Tiziano Terzani, la seconda tappa è stata:
UN ALTRO GIRO DI GIOSTRA

LIbro che probabilmente rappresenta in toto il cammino interiore che Tiziano ha fatto ..in giro per varie parti del pianeta alla ricerca di qualcosa...
Qualcosa che partendo da una cura per il cancro si è rivelata invece molto di più.
Un senso del malanno,
un senso della vita,
la ricerca della pace,
della quiete,
la ricerca di una verità che non è arrivata se non alla fine del percorso,
quella luce,
quella consapevolezza che pochi trovano e che Tiziano ci ha regalato,
condividendo questo percorso di crescita,
così forse,
così unico,
con tutti noi.

Dopo la diagnosi di Cancro, come molte persone che ne hanno la possibilità,
Tiziano ha deciso di curarsi a NEW YORK.
Ed è proprio New York, il punto di partenza di questo suo importante viaggio.

A New York subisce i primi interventi e i primi trattamenti innovativi ( per l'Italia) di radio terapia mirata e di chemioterapia.

Trascorre questa sua permanenza nella Grande mela da solo.
Incapace forse di gestire le sue paure e quelle che inevitabilmente gli sarebbero piombate addosso da parte della famiglia...Tiziano chiede cortesemente chiede a sua moglie Angela di non seguirlo in questo periodo troppo difficile.
Un periodo in cui il suo corpo sarebbe cambiato.
Non solo dentro ma anche fuori,
a causa degli effetti della chemio ...
E lui avrebbe dovuto RI- conoscersi.
Ci sarebbe riuscito soltanto restando da solo.

la vita solitaria di New York tuttavia si presenta ricca di esperienze che piano piano...fanno riemergere quel lato curioso di Tiziano, quel lato che caratterizza il suo essere giornalista, uno di quei giornalisti che gira per il mondo per cercare il mondo stesso oltre la notizia, per cercare, la storia.

Avendo dei mesi liberi dalla chemio,
Tiziano decide dunque di intraprendere un nuovo viaggio.

Un viaggio alla scoperta di tutte le cure più strane e bizzarre che la medicina orientale alternativa offre per il cancro.

Anche in gran parte di questo viaggio Tiziano sarà solo.

Le tappe di questo viaggio sono:

INDIA
THAILANDIA
UN RITORNO AGLI STATI UNITI PER CONTROLLI MEDICI E ALTRE ESPERIENZE
HONG KONG
INDIA ( di nuovo)
FILIPPINE
HIMALAYA

In tutti questi posti Tiziano incontra medici alternativi, guaritori.. vive l'esperienza dell'ashram indiano e incontra molte persone con cui si confronta.
Diventa ANAM, il Senza- Nome, liberandosi di quella identità che da sempre aveva condizionato ogni sua relazione.
Vuole riscoprire il suo Io.
Prova ( l'inganno) del lavaggio del colon, dei digiuni, vede con i suoi occhi come i guaritori aiutano la gente in India con dei rimedi alternativi tutti naturali...a volte fin troppo...visto che si parla anche di pipi' di vacca...
Ma non li sperimenta tutti su suo corpo...
Man mano che questo viaggio va avanti, ciò che diventa sempre più chiaro a Tiziano è che esiste un senso della vita e della morte dentro ognuno di noi.

la tappa più importante è sicuramente quella ultima dell'Himalaya.

In una piccola casetta sperduta fra le montagne, Tiziano passa un lunghissimo periodo di solitudine, nella contemplazione della natura, meditando, riscoprendo quell'unione che l'uomo ha con la natura, quel contiunuum che esiste fra noi umani e il resto delle creature viventi, che troppo spesso ci dimentichiamo...Unica compagnia, sporadica, sono le chiacchierate con il vecchio artista che gli presta la casetta. Un vecchio uomo saggio con cui discute sulla vita, sul mondo e sulla morte.

In tutto questo percorso si parte dal cancro per dimenticare il cancro e riscoprire il gusto di vivere in una dimensione armonica.

Ma...guardate un po' l'illuminazione finale che Tiziano condivide con noi è che...Non server varcare i confini del mondo.
Possiamo attuare una rivoluzione interiore e scoprire nuove verità, anche stando a casa nostra.
Il viaggio in fin dei conti è tutto interiore, e Tiziano lo ha scoperto muovendosi...
Paradossalmente, il malanno come lui lo chiama, è servito per riprendere in mano la propria vita e guardarla bene negli occhi riscoprendone un senso profondo, un rispetto e un amore per ogni sua sfaccettatura.

Paradossalmente, la minaccia di morte che il cancro rappresenta è stata per lui la spinta necessaria per un percorso di crescita interiore che tramite l'accettazione della morte in quanto vita gli ha fatto affrontare i suoi ultimi anni di vita in maniera assolutamente serena.

E' un grandissimo insegnamento,

Ma ciò che di questo suo regalo al mondo
( perchè così io lo chiamo)
mi ha colpita maggiormente è che ognuno di noi può intraprendere una rivoluzione interiore a seconda del momento del ciclo vitale che sta affrontando.

Gli spunti che Tiziano ci regala sono importanti, perchè ci ricorda tantissime cose e ci invita a riflettere.

Non solo.

Non si può di certo ignorare la valenza giornalistica di questo libro che tramite un viaggio personale ci offre anche uno spaccato della cultura di questo affascinanti paesi Asiatici, in cui la medicina omotossicologia e ayurvetica sono le forme mediche principali, e Tiziano ci offre una descrizione dei principi fondamentali di queste forme di cure, che è veramente interessante per l'epistemologa che c'è alla base.

Trovandomi in un periodo critico della mia vita in cui ho avuto necessità di ritrovare un senso alla mia vita, di cambiare di nuovo le mie priorità...Posso dire che ...
Sono salita sulla giostra con Tiziano, era come se lui fosse accanto a me, a spiegarmi come fare per ritrovare un equilibrio prima di tutto interiore.
E così solo allora potrò muovere i primi nuovi passi, fuori.

Il mio viaggio non è terminato.
Ho ancora un pezzo di strada di fare e non so quanto ci metterò, a ciò che Tiziano mi ha insegnato è di non avere fretta. Di gustarmi questo viaggio e di contemplare ogni cosa che mi circonda durante il tragitto.

Non credo che questo libro si allontanerà troppo dalla mia mensolina dei libri perchè, per la struttura stessa del libro, con capitoli definiti che trattano di un determinato luogo, potrei aver voglia di viaggiare ancora ancora. Di risalire in uno dei cavallini della giostra per vedere il mondo da quella determinata angolazione. E da li in silenzio mi fermerò ad ascoltare me stessa, supportata dalla parole di Tiziano.

" non occorre andare fisicamente in India, non occorre viaggiare lontano, fuori di sè per capire. Chi muore davvero di questa sete non ha che da ricoprire la fonte, la propria fonte. L'acqua è sempre la stessa. "

E' un libro importante questo.
Un libro prezioso.

Ne consiglio la lettura a tutti.
Per qualunque tipo di motivo,anche solo per curiosità.

Non è stato facile scrivere questa opinione perchè davvero alcuni processi dentro di me sono ancora in divenire...
MI ha dato tanto e spero che a Tiziano possa arrivare la mia gratitudine per questo meraviglioso regalo che ha fatto al mondo.

Buona lettura!

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 622 volte e valutata
100% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • opera2007 pubblicata 19/07/2015
    HAI assolutamente ragione, questo è un libro prezioso. Io l'ho letto tutto con avidità a alla fine credo che mi abbia notevolmente aiutato a comprendere particolari che abitualmente trascuravo. E' un libro che in effetti tutti dovrebbero leggere...Ma a ben pensarci Terzani in tutti i suoi libri ci insegna qualcosa......
  • Ciobin pubblicata 04/07/2013
    eccellente
  • Geniere pubblicata 26/06/2013
    Bien
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Un altro giro di giostra. Viaggio nel male e nel bene del nostro tempo (Tiziano Terzani)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Viaggiare è sempre stato per Tiziano Terzani un modo di vivere e così, quando gli viene annunciato che la sua vita è ora in pericolo, mettersi in viaggio alla ricerca di una soluzione è la sua risposta istintiva. Solo che questo è un viaggio diverso da tutti gli altri, e anche il più difficile perché ogni passo, ogni scelta - a volte fra ragione e follia, fra scienza e magia - ha a che fare con la sua sopravvivenza. Alla fine il viaggio esterno alla ricerca di una cura si trasforma in un viaggio interiore, il viaggio di ritorno alle radici divine dell'uomo. Un libro sull'America, un libro sull'India, un libro sulla medicina classica e quella alternativa, un libro sulla ricerca della propria identità.

Caratteristiche Tecniche

EAN: 9788830421424, 9788830440050

Tipologia del prodotto: Libro rilegato

Autore: Tiziano Terzani

Numero totale di pagine: 588, 576

Alice Classification: Geografia Generale. Viaggi

Editore: Longanesi

Data di pubblicazione: 2004, 2014

Origine del record: Il copyright dei dati bibliografici e catalografici e delle Immagini fornite è di Informazioni Editoriali I.E. Srl o di chi gliene ha concesso l’autorizzazione. Tutti i diritti sono riservati.

Ciao

Su Ciao da: 16/08/2004