Opinione su

Un giorno (David Nicholls)

Valutazione complessiva (18): Valutazione complessiva Un giorno (David Nicholls)

10 offerte a partire da EUR 7,42 a EUR 15,30  

Tutte le opinioni su Un giorno (David Nicholls)

 Scrivi la tua opinione


 


Opinione Diamante

UN GIORNO ....... PER SEMPRE

5  20.02.2012

Vantaggi:
un momento di lettura dolce e romantico

Svantaggi:
non ne ho ravvisati

Consiglio il prodotto: Sì 

Dettagli:

Contenuti

continua


byron2011

Su di me: ***La pazienza è la più eroica delle virtù, giusto perché non ha nessuna apparenza di eroico (G.Leop...

Iscritto da:02.02.2010

Opinioni:156

Fiducie ricevute:601

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata Eccellente da 188 utenti Ciao

UN GIORNO.......PER SEMPRE

Ciao amici ciaoini, sono rimasto molto incerto per qualche giorno se recensire un libro o il film che ne hanno ricavato, ma visto che libro e film sono abbastanza fedeli l’uno all’altro allora ho scelto come nel caso di Scialla di recente pubblicato sotto il titolo La Sciallanza di preferire l’opinione sul libro anche perché i canoni abitudinari consigliano sempre di leggere prima il libro e poi vedere il film.

****************

PREMESSA

Ahahahaha ma di che stiamo parlando, non ve l’ho ancora detto, ebbene si in questa opinione vi parlerò di un romanzo d’amore, ma non uno dei soliti melliflui romanzi rosa, dove tutto è bello quel che finisce bene, no qui si parla di amore a 24 carati, amore vero che resiste al tempo e che trova la sua consacrazione dopo quasi venti anni di attesa.

Scoprire, leggendo le pagine di Un Giorno , romanzo di David Nicholls , che anche l’amicizia si possa trasformare in amore è stata una bella sorpresa anche se nel corso della lettura ne ero quasi convinto.

Sono venuto in possesso di questo libro acquistandolo da Mondolibri a cui ero iscritto, ricordo che lo pagai appena €.14,50 , un bel testo con copertina rigida e sovracopertina colorata in bianco e rosa, dove il viso di una donna e quello di un uomo si apprestano a congiungere le loro labbra in un romantico bacio (foto 1) .

Pubblicato dalla Casa Editrice Neri Pozza di Vicenza nel 2010 e nello stesso anno su licenza della stessa Casa da Edizioni Mondolibri S.p.A di Milano presso l’Istituto Italiano d’Arti Grafiche di Bergamo, questo libro consta di ben 487 pagine , dunque corposo, ma posso dirvi che questa sua corposità non la sentirete ed anzi man mano che vi avvicinate alla sua conclusione un po’ vi dispiacerà, perché nel frattempo vi sarete affezionati alla storia e ai suoi personaggi cosi diversi.

Ma senza che stia a tediarvi oltre modo veniamo alla trama che cercherò di rendere il più sintetica possibile senza svelarvi naturalmente il finale, che non è il solito delle favole, ma forse quello più vero che la vita a volte ci riserva.

Però prima di cominciare a raccontarvelo mi è d’obbligo riportare la premessa che l’Autore scrive facendosi aiutare da Charles Dickens (Grandi speranze) :
'''Per me fu un giorno memorabile, perché mi cambiò molto. Ma in ogni vita succede lo stesso. Immaginiamo un giorno a scelta isolato dal contesto e pensiamo a come sarebbe stato differente il corso della vita. Fermati, lettore, e rifletti a lungo sulla lunga catena di vil metallo o oro, spine o fiori, che non ti avrebbe mai legato, se non fosse stato per la formazione di quel primo anello in quel giorno memorabile.'''

Capirete leggendo il significato di questo aiuto.

*****************

LA TRAMA


Prima Parte (pag.9-90) 1988-1992 Ventenni

(Il futuro)

Siamo in Rankeillor Street ad Edimburgo il 15 luglio 1988 .

Il libro comincia con i due protagonisti, Emma Morley e Dexter Mayhew , a letto nell’appartamento di lei. Ci sono finiti dopo aver festeggiato con gli amici la laurea appena conseguita, sbronzi o alticci se vogliamo. E’ l’alba e loro due filosofeggiano sulla vita che li attende.

Provano ad immaginarsi fra vent’anni.

(Di nuovo in pista)

Il capitolo successivo si apre con una lettera che Emma gli scrive sabato 15 luglio 1989 da Wolverhampton, esattamente un anno dopo da quella notte in cui si erano promessi eterna amicizia e di sentirsi in qualsiasi modo ogni 15 luglio successivo. Lei sta impegnandosi in una attività teatrale pedagogica, lui invece se la spassa a Roma in quell’anno sabbatico che si è riservato per scoprire il suo futuro.

(Il Taj Mahal)

Passa un altro anno e giungiamo così al 15 luglio 1990 , molte cose sono cambiate. Emma ha messo da parte i sogni ed ora lavora come cameriera tutto fare in un ristorantino tex-mex dal nome esotico di Loco Caliente , in Kentish Town Road, dove conosce Ian Whitehead , un cabarettista che per arrotondare fa anche il lavapiatti. Personaggio che avrà un ruolo importante successivamente nella vita di Emma. Riceve una lettera da Dexter che gli scrive da Bombay in India, dove è finito nel ricercare se stesso. Gli scrive di lasciare quel lavoro di merda (testuale) di comprare un biglietto di andata e ritorno per Delhi e all’alba del giorno dopo recarsi al Taj Mahal e a mezzogiorno si incontreranno ognuno con una rosa in mano…..ma non se ne farà niente come sempre i sogni di Dexter saranno bolle di sapone che dopo un po’ scoppiano frizzando qualche goccia d’acqua nell’aria.

(Scelte di vita)

Intanto è passato un altro anno e il 15 luglio 1991 Emma viene chiamata dal capo del ristorante dove lavora che gli propone di diventare il Direttore del locale, ma nonostante ciò la ragazza ha un momento di crisi fra le lacrime chiede al capo di pensarci. Lo sconforto la prende, si guarda allo specchio e si trova invecchiata anche se ha solo venticinque anni hai buttato al vento un terzo della tua vita e che senso ha tutto questo si dice, un tempo aveva pensato di conquistare Londra ma così non è stato. Il resoconto di due anni sono '''un carosello di salotti letterari, riunioni politiche, festicciole amene, idilli agrodolci lungo gli argini del Tamigi. Si era messa in testa di formare una band, girare dei documentari, scrivere romanzi, ma due anni dopo lo smilzo volume di poesie non si era rimpolpato…..''' Le aveva provate tutte, ma nulla, nulla che la facesse sognare ancora. Dopo la pausa pranzo venne Ian a dirle che era entrato un tizio con una gnocca da paura che chiedeva di lei. Emma capì che era Dexter di ritorno dalla Thailandia . Nero come il carbone era attorcigliato con una bionda, quando la vide si scostò e l’abbracciò. Quella sera un altro pezzo dell’anima di Emma volò via quando il suo amico (del cuore direi
Fotografie per Un giorno (David Nicholls)
  • Un giorno (David Nicholls) Un giorno di D.Nicholls - Un giorno (David Nicholl
  • Un giorno (David Nicholls) Il dorso del libro - Un giorno (David Nicholls)
  • Un giorno (David Nicholls) Titolo originale - Un giorno (David Nicholls)
  • Un giorno (David Nicholls) Emma e dexter nel film - Un giorno (David Nicholls
Un giorno (David Nicholls) Un giorno di D.Nicholls - Un giorno (David Nicholl
Un giorno (David Nicholls) prima e quarta di copertina
io) tentò di lasciarle la mancia. Dexter è proprio uno stronzo (testuale) disse Emma a Ian anzi più che stronzo …. un cretino.

Quella sera Dex ed Em stettero un po’ insieme a chiacchierare come sempre e come due buoni amici che si vogliono bene, lei era giù e lui dopo averle raccontato le sue sbruffonate a base di conquiste si sentì in colpa e le disse ad un certo punto Emma, se a quarant’anni sei ancora single ti sposo io .

Dexter era una proposta di matrimonio ? disse lei.

Non adesso, diciamo se ad un certo punto della nostra vita siamo tutti e due alla canna del gas rispose lui.

E cosa ti fa pensare che io voglia sposarti ? replicò lei.

Beh, l’ho sempre dato per scontato .

Dexter invece dopo aver visto naufragare le sue speranze di diventare un fotografo di grido adesso desiderava diventare un personaggio televisivo e la TV guarda caso gli aveva aperto le porte.

(Le regole d’ingaggio)

E’ passato un altro anno, siamo giunti al 15 luglio 1992 ed i nostri due eroi si trovano su un traghetto che solca il Mar Egeo . Una vacanza organizzata al volo per staccare entrambi un po’ la spina. Dieci giorni al caldo tepore delle isole greche. Emma aveva da poco posto fine ad una relazione insignificante, mentre Dexter si era lasciato da tempo con la bionda gnocca che aveva colpito tanto Ian.

Lo stare insieme comunque aveva delle regole : 1) camere da letto separate; 2) niente flirt; 3) niente avances con altre donne e niente palpatine; 4) Niente nudismo, pudore e discrezione; 5) Niente Scarabeo un gioco che Dex odiava. Insomma le regole erano un modo per bloccare qualsiasi inquinamento di quella che doveva essere una vacanza fra amici, che conoscendo il modo di fare di Dexter poteva scivolare in una vacanza a scopo sessuale, la fissa che il signorino aveva da sempre.

Ma una delle regole cadde subito quando Dex bluffando trovo un appartamentino con una sola stanza da letto con un gran letto matrimoniale. Emma abboccò e rimase incantata dall’appartamentino, con un balcone che dava sul mare da cui si sentivano cinguettare gli uccellini, un vero incanto.

Naturalmente molte di quelle regole spesso furono sul punto di non essere rispettate soprattutto perché Dexter cercava sempre di imbrogliare come quando si ritrovarono in una spiaggia per nudisti e lui propose di infrangere la regola n.4. Ma una sera dopo aver bevuto abbastanza in un bar la infransero facendosi il bagno nudi e un ladro rubò i vestiti a Dexter, che tutto nudo corse dietro al ladro in mezzo ai tavolini dei bar. La sera decisero di restare in quell’appartamentino per altri otto giorni rinunciando a saltellare da un’isola all’altra. Si stavano divertendo un casino anche se lui ci provava sempre e lei resisteva di più.

****************

Seconda Parte (pag.125-245) 1993-1995 Verso i trenta

(Una questione di chimica)

Il 15 luglio 1993 Dexter è ormai un divo del piccolo schermo omaggiato da tutti, conduttore di un programma seguito dai giovani pare abbia trovato finalmente il successo tanto desiderato, ma questo tipo di vita lo costringe a stare in piedi tutta la notte, a partecipare a feste e festini, insomma un ritmo insostenibile che lui cerca di alleviare con droga e alcol. Una notte alle 5 del mattino ricordandosi che il 15 luglio è trascorso senza aver sentito Emma, nel pieno di una festa, alticcio, molto alticcio, la chiama al telefono, con il solo effetto di far constatare alla sua amica lo stato in cui si trova.

Dopo aver smaltito in parte la sbornia si mette in macchina e va a trovare la madre che è una malata terminale di cancro, il padre vedendolo ancora un po’ traballante lo accoglie freddamente. L’incontro con la madre è pieno di poesia, l’amore che la donna ha per il figlio trabocca in maniera incontenibile. Dopo qualche battuta che cerca di rendere meno avvilente il dialogo dove la malattia incombe come un macigno la donna esprime il desiderio di andare a riposare e Dexter prendendola in braccio la mette a letto. Al ritorno il padre visto lo stato in cui versa gli proibisce di tornare in auto per cui è costretto a prendere il treno, dalla stazione richiama Emma, ma trova la segreteria telefonica e allora gli lascia un messaggio invitandola ad andare a vedere una prima al cinema. Ma Emma è uscita con Ian (ricordate il cameriere del ristorante ?) sono andati a cena fuori.

(Il senso dell’umorismo)

Emma e Ian si erano incontrati, dopo i tempi del ristorante, un giorno per caso a Tottenham Court Road , si erano abbracciati con calore come fanno due vecchi amici che non si vedono da molto tempo. Ian era stato sempre innamorato di Emma e in quell’occasione riuscì a strapparle un appuntamento. La cena fu un disastro nel senso che il dialogo di Ian non era di livello e sparava battute del suo repertorio di cabarettista . Dopo un gelato di vaniglia con le more le cose si ripresero e poi finirono a casa di Ian.

(Il mondo dello spettacolo)

Quel 1993 fu un anno importante per i due protagonisti. Emma andò a vivere con Ian e cominciò ad insegnare presso la scuola di Cromwell Road , mentre Dexter , nel frattempo la madre era morta lasciando un enorme vuoto nel suo cuore, ha una diretta del suo nuovo spettacolo, proprio in concomitanza con lo spettacolo che Emma ha preparato per la recita scolastica. Una telefonata fra i due si chiude con un litigio pauroso.

Prima che lo spettacolo di Dexter vada in onda la critica lo stronca violentemente prima ancora che lo spettacolo vada in onda è il padre che lo avverte, il titolo a caratteri cubitali è : ECCO A VOI IL PERSONAGGIO PIU’ ODIOSO DELLA TELEVISIONE , ma Dexter se ne frega e dice fra se e se : sono verdi di invidia, basta un briciolo di successo e vorrebbero farti a pezzi quando si trova nel camerino per ripassare la parte si scola un bicchierone di vodka per farsi coraggio.

Ad Emma invece capita che un gruppo di studenti impegnati nella recita litighino, ma grazie anche all’aiuto del preside Godalming la cosa si placa. Il preside ha un debole per Emma e si vede, mentre lei comincia a guardarlo con un certo interesse, tanto la storia con Ian ormai è al capolinea.

La serata di Dexter non è un granche anche grazie alla sua nuova ragazza che conduce con lui, Suki Meadows , che evita che si tramuti in un flop.

La serata di Emma invece si tramuta in un trionfo e appena ritornata a casa trova un mazzo di fiori che Dexter le ha mandato. Si sentono al telefono e si fanno i complimenti a vicenda, poi si danno appuntamento per una cenetta insieme.

(Sigarette e alcool)

La cenetta insieme si tramutò nella solita litigata perché ormai Emma non sopportava più la vita con Ian e Dexter continuava nella sua vita stramba ormai collassata dall’alcool e dalla droga. Quella sera ogni mezz’ora si alzava per andare al bagno a farsi la tirata di coca e poi tornava più spavaldo che mai e la feriva con le sue battute taglienti, ma non solo flirtava con tutte le donne che gli davano retta come la sigarettaia per la quale già sbavava. La serata andò a rotoli quando parlando del nuovo lavoro di Emma insegnante Dexter fece una battuta circa il romanzo che lei voleva scrivere, ma che non riusciva a completare le disse quelli che sanno, fanno; quelli che non sanno fare, insegnano .

Emma a quel punto esplose e alzandosi per andarsene gli rispose e quelli che insegnano ti mandano affanculo . Pur imponendosi di non piangere la ragazza sentiva calde lacrime scorrergli sul viso e mentre scappava inciampò finendo lungo distesa nei pressi dell’ingresso del ristorante. Lui l’aiutò a rialzarsi, ma lei si divincolò ed uscì fuori.

Stettero un po’ in silenzio ed Emma gli disse che non era più il suo amico di una volta, che era cambiato, lui negò, ma nel replicare lei disse forse è finita , finita che replicò lui, la nostra amicizia disse lei ti volevo parlare della mia situazione con Ian, dirti che sto con un uomo che non amo….. poi riprese a piangere e avvicinandosi a lui Dexter, ti amo così tanto. Così tanto… E probabilmente ti amerò per sempre gli sfiorò la guancia con le labbra ed andò via.

****************

Terza Parte (pag.247-392) Dopo i trenta

(Carpe Diem)

Il tempo passa e siamo giunti al 15 luglio 1996 . Emma ha una relazione con il Preside Goldaming. Fanno l’amore in continuazione, quando possono, sempre quando finiscono i corsi si chiudono in presidenza e fanno sesso sulla moquette. Quella è la sera prima delle vacanze non si vedranno per 6 settimane e lui dice che non sa come farà a resistere, ma lei rovina tutto o meglio dice che la cosa non può andare avanti, lui sposato, lei l’amante del capo, non è certo una cosa soddisfacente. Si lasciano con l’amaro in bocca.

Torna a casa delusa, quella storia deve finire. Poi si ritrova Ian e il suo avvilimento aumenta. Litigano. E anche se ormai fra loro tutto è finito Ian è geloso, pensa che lei si veda con Dexter. Insomma se ne dicono di tutti i colori. Quella sera Ian va via di casa ed un altro pezzo di vita di Emma si conclude. Sono stati insieme ma è come se non lo fossero stati mai. Quella sera mentre guarda la TV facendo zappig le compare Dexter Mayhew, in uno spettacolo che va in onda dopo la mezzanotte, non è più lui, non è più il Dex che in otto anni ha albergato nella sua mente. “'''omani lo chiamo, si la prima cosa che farò appena sveglia''' si dice fra se e se.

(Due colloqui)

Emma grazie ad una compagna di università riesce ad avere un colloquio per presentare il libro che finalmente ha scritto e di cui ha inviato copie a diverse case editrici. Una storia semplice per ragazzi . Ma l’appuntamento salta per un errore della segretaria dell’editore. Emma esce ancora una volta sconsolata dall’ennesima disavventura. Ritornando verso casa passeggia lungo il lato destro del Tamigi e in quel frangente mentre rimugina sulla sua vita squilla il cellulare, è il preside, il suo capo, l’amante. Non lo sopporta più e alla fine mentre discutono animatamente lei si licenzia e gli chiude il telefono in faccia. Ah finalmente l’ha fatto, un altro capitolo oscuro della sua vita sconclusionata si è andato a far benedire.

(Dire ti amo)

Siamo giunti al 15 luglio 1998 e Dexter senza nemmeno rendersene conto si scopre innamorato (ahahaha sarà la millesima volta non è una sorpresa per il lettore), ma questa volta sembra una cosa seria. Si chiama Sylvie Cope , bella ma non di quella bellezza delle precedenti, ma una bellezza classica, una bellezza tranquilla.

(La terza ondata)

Si sposa Tilly Killick la sua vecchia coinquilina ai tempi dell’università. Emma non è che l’avesse più frequentata, ma riceve l’invito indirizzato ad Emma Morley e compagno. C’erano tutti i vecchi compagni di studio e c’era anche Dexter con Sylvie. Emma arrivo che la cerimonia era iniziata e cosi in fondo alla sala potè vedere tutti quelli che erano venuti. Naturalmente vide Dexter con la sua fidanzata che si tenevano appassionatamente per mano. Alla fine della cerimonia i loro sguardi si incrociarono, come se ognuno sentisse su di se lo sguardo dell’altro. Si abbracciarono come consuetudine e cominciarono a chiacchierare con le solite battutine spiritose. Poi, in attesa del pranzo, ognuno si dedicò ai vecchi amici Emma con la sposa e Dexter con Callum O’Neill suo vecchio coinquilino all’università. Callum offrì a Dexter di lavorare per la sua azienda. Emma e Dexter si trovarono in due tavoli diversi e mentre la osservava da lontano lui si ricordo della bella ragazza che aveva conosciuto quella sera della festa di laurea, ricordò le fossette intorno alla bocca mentre rideva, i grandi occhi luminosi, nulla era cambiato, anzi no forse adesso era più bella che a ventidue anni. Non appena cominciarono i discorsi per gli sposi se la svignarono in un labirinto che era stato ricavato nei grandi giardini che ospitava il matrimonio. Chiacchierarono della loro vita, soprattutto di quella di Dexter, del suo cambiamento in meglio riguardo al sesso, all’alcool, alla droga, grazie a Sylvie. Parlarono anche di lei del fatto che fosse single e che tutto sommato non le interessasse un legame pesante e vuoto come quello con Ian. Qualche altra breve storia alle spalle e comunque quella promessa fattale che, nel caso a quarant’anni fosse stata ancora single l’avrebbe sposata lui. Dexter disse che non avrebbe potuto mantenere la promessa perché si era fidanzato con Sylvie e doveva sposarsi perché aspettavano un bambino. La gioia immediata di Emma nascondeva però una nota di amaro che cercò di non far emergere. Ad un certo punto squillò il cellulare di Dexter era Sylvie che lo cercava. Ritornarono indietro sperando di ritrovare la strada giusta in quel labirinto.

(Paternità)

Jasmine Alison Viola Mayhew nacque il terzo giorno del nuovo millennio . Dopo il parto quasi subito il rapporto fra Dexter e Sylvie cominciò ad incrinarsi. I motivi erano disparati, un po’ perché lui si ritrovò senza lavoro e anche perché lei cominciava a rendersi conto della inaffidabilità del marito. In più si trasferirono vicino casa dei suoceri di Dexter, nel Surrey . Bisticci e cattiverie furono il menù di quasi tutti i giorni e Sylvie cominciò a passare più tempo a casa dei suoi assieme a Jasmine.

Alla fine per non sentirsi definitivamente un fallito e per reagire alle accuse della moglie finì per accettare il lavoro offertogli da Callum O’Neill.

Ma alle porte c’è l’adulterio, Sylvie ha ceduto alle lusinghe di Callun.

(Jean Seberg)

Ci ritroviamo il 15 luglio 1999 a Parigi dove Emma si è trasferita per scrivere. Ricordate quel colloquio alla Casa Editrice sostenuto da Emma ? Ebbene ha avuto successo e con l’anticipo sulle vendite del primo libro si è trasferita nella Ville Lumiere per scrivere il secondo. Si trova alla Gare du Nord dove attende l’arrivo di Dexter, reduce dal catastrofico matrimonio con Sylvie conclusosi sotto le macerie di un doloroso adulterio consumatosi con la partecipazione del suo amico di università : Callum O’Neill.

Qui Dexter scopre che Emma ha allacciato da poco una relazione con un franco-gallese, tale Jean-Pierre Dusollier . La sua reazione è inconsueta, pare geloso. Con che diritto ? Emma capisce che quello è forse il momento di coronare finalmente il suo sogno d’amore inseguito da anni da quel 15 luglio 1988 .

****************

Quarta parte (pag.393-487) Verso i quaranta 2002-2005

Qui mi fermo per non rovinarvi il finale a poco meno di 100 pagine lasciandovi la curiosità di scoprirlo da voi e vi garantisco che se pensate al vissero felici e contenti con la lingua in mezzo ai denti siete sulla strada sbagliata.

***************

LE MIE IMPRESSIONI

Questo libro l’ho letto quasi esclusivamente nel buio della notte, con la luce dell’abat-jour che, riflettendo le ombre, sembrava tenermi compagnia silenziosa.

Una storia romantica con una punta di malinconia. La storia ha un percorso simile a due binari che pur camminando uno a fianco all’altro sanno che non si incontreranno mai. Ma il bello sta proprio in questo, ogni tanto nel corso della vita i binari possono convergere ed allora bisogna essere capaci di approfittare degli incroci, come capita, in questa storia, ed Emma non ha dubbi quando ha fra le braccia i resti dell’uomo che ama da sempre. Una storia d' amore sublime, perché vissuta in un tempo in cui tutto si consuma velocemente. La parentesi di una attimo che dura vent’anni.

Dexter sepolto dalle incongruenze della sua giovane vita, spesa alla ricerca del sesso facile e del successo illusorio, capisce che quella donna in fondo gli è stata sempre vicina e capisce anche che in cuor suo l’ha sempre cercata per avere la sensazione di esserci. Emma fa si che lui esista.

Due persone che vivono ognuno agli antipodi dell’altro, ma cosi vicini, l’una capace di dare amore l’altro desideroso di riceverne. Sembra che abbiano voluto nascondere sotto una inverosimile amicizia un amore che esplode fragoroso alle soglie della maturità, troppo innamorati per deludersi, adesso non possono fallire, adesso è in gioco il loro amore quello nato quella sera del 15 luglio 1988.

Libro mai tedioso, sempre nuovo nelle sue pagine, nonostante la lunghezza si fa leggere con sempre tante curiosità, fino alla fine, anche questa straordinaria, un finale dolce amaro che quasi sancisce con il colpo del maestro il suo successo.

Bella la firma di Nick Hornby nella quarta di copertina : Coinvolgente e irresistibile, un ritratto brillante del tempo che ci siamo lasciati alle spalle .

Non so se l’ho già scritto, ma da questo libro è stato tratto un magnifico film che naturalmente ho visto grazie alla gentilezza di un amico. Ebbene nello scrivere la recensione ho riletto il libro e mentre scorrevo le pagine nella mia mente scorrevano anche le immagini degli interpreti, per cui è stato più facile descrivere le emozioni che il libro mi ha dato avendo davanti agli occhi la bellezza di Emma Morley, interpretata splendidamente da Anne Hathaway (foto 6) e la simpatia strafottente di Jim Sturgess (foto 5) il Dexter Mayhew.

Inserirò qualche fotogramma del film per farveli vedere e per invitarvi a vedere il film dopo esservi innamorati della storia di Emma e Dexter.

Buona lettura e buona visione.

************

DEDICA

Dedico questa recensione ad una amica di Ciao.it cui ho consigliato la visione del film e del quale è rimasta incantata. A lei il ringraziamento per avermi stimolato a scrivere e a parlarvi di questo libro

*************

NOTIZIE SULL’AUTORE (da wikipedia)

David Alan Nicholls (Eastleigh, 30 novembre 1966)
Secondo di tre figli, Nicholls ha frequentato il Barton Peveril College di Eastleigh, nell'Hampshire, dal 1983 al 1985: qui si è diplomato con il massimo dei voti in letteratura inglese, teatro, fisica e biologia, partecipando anche a numerose produzioni teatrali del college. Anche l'attore Colin Firth ha frequentato lo stesso istituto e in seguito ha collaborato con Nicholls nel film And When Did You Last See Your Father?. Nicholls ha in seguito studiato presso l'università di Bristol, laureandosi in teatro e letteratura inglese nel 1988, poi ha tentato la carriera di attore iscrivendosi alla American Musical and Dramatic Academy di New York.
Oltre a Un Giorno titolo originale One Day (foto 3) ha scritto altri due romanzi : Starter for ten del 2004 dal quale è stata tratta la sceneggiatura del film Il quiz dell’amore e The Understudy anch’esso in fase di trasposizione cinematografica.

*****************

NOTIZIE SUL LIBRO

Titolo originale: One Day
Traduzione di Marco Rossari e Fabio Trevisan
487 pag., € 14,50,00 – Edizione Mondolibri S.p.A su licenza Neri Pozza.

GRAZIE PER LA LETTURA A TUTTI

BYRON2011

Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
sonya32

sonya32

20.02.2014 09:54

eccellente

epyman_2.0

epyman_2.0

11.11.2013 09:21

eccellente

lucetta7

lucetta7

07.11.2012 15:51

Eccellente recensione e grande voglia di leggere questo libro!Bravissimo!

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento
Compara i prezzi ordinate per Prezzo
Un giorno David Nicholls

Un giorno David Nicholls

Un giorno, il Libri di David Nicholls edito da Neri Pozza

€ 7,42 Inmondadori.it 38 Valutazioni

Costi di sped.: EUR 2,90

Disponibilità: vedere sito

     Al negozio  

Inmondadori.​it

Un giorno (David Nicholls)

Un giorno ​(David Nicholls)

Pagine: 495, Edizione: 15, Copertina rigida, Neri Pozza

€ 7,99 amazon.it marketplace libri 29 Valutazioni

Costi di sped.: EUR 2,99

Disponibilità: Generalmente spedito in 1-​2 giorni lavorativi.​.​.

     Al negozio  

amazon.​it marketplace libri

Un giorno Nicholls David

Un giorno Nicholls David

È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Emma e ...

continua

€ 8,41 Webster.it 42 Valutazioni

Costi di sped.: EUR 2,98

Disponibilità: vedere sito

     Al negozio  

Webster.​it



Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su Un giorno (David Nicholls) è stata letta 1221 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (94%):
  1. sonya32
  2. epyman_2.0
  3. lucetta7
e ancora altri 184 iscritti

"molto utile" per (7%):
  1. Dinda83
  2. flyzmarco
  3. daksha.shanty
e ancora altri 10 iscritti

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.
Risultati simili a Un giorno (David Nicholls)