Opinione su "Valencia"

pubblicata 22/07/2005 | lunarosa1968
Iscritto da : 12/11/2004
Opinioni : 149
Fiducie ricevute : 151
Su di me :
Buongiorno a tutti i miei amici!!!
Ottimo
Vantaggi da vedere
Svantaggi nessuno
Eccellente

"LA CAPITALE DELLA PAELLA"

la falla de l'Ayuntamiente

la falla de l'Ayuntamiente

Oggi vi parlerò di Valencia, città della Spagna forse poco apprezzata rispetto alle altre città spagnole. Io a Valencia ho vissuto per ben quattro anni, quindi ho avuto modo di sperimentare sulla mia pelle gli usi e costumi locali (sanità compresa, in quanto mia figlia è nata lì).
Prima di allora associavo a Valencia il tipico piatto, cioè la paella, di cui poi scriverò la ricetta originale, ma vivendoci ho scoperto che Valencia non è solo sinonimo di paella.
Partiamo dall'aeroporto Manises, l'unico della città, situato ovviamente in periferia. E' un piccolo aeroporto, infatti in verità assomiglia più ad una stazione ferroviaria, ma nonostante questo è ben organizzato, pulito ed offre un ampio parcheggio.
Purtroppo è abbastanza difficile trovare voli diretti per Valencia da e verso grandi città italiane e bisogna gioco-forza fare scalo a Madrid o a Barcellona.
Per quanto riguarda i collegamenti ferroviari da Milano parte alle ore 21,30 circa a giorni alterni il Talgo (o Salvador Dalì), ma anche con questa opzione si deve cambiare a Barcellona.
Tra l'altro sono rimasta piacevolmente stupita la prima volta che salii sul treno Barcellona-Valencia, perchè sui treni a lunga percorrenza c'è il televisore, ogni sedile è provvisto di spinotto per auricolari per ascoltare la radio o per guardare il film trasmesso in tv. Il bigliettaio oltre a controllarvi il biglietto, vi farà omaggio anche degli auricolari.
Comunque, arrivo previsto verso le 14,30 a Valencia. La stazione centrale ricorda molto quella di Milano, ha la scala mobile e alcuni piccoli negozietti di souvenir.
Uscendo dalla stazione ci si ritrova nel cuore della città, ovvero in Plaza de Toros. Un po' più avanti (200 metri) si arriva in Plaza de l'Ajuntamiento (ovvero la piazza del Municipio).
Vi consiglio vivamente di visitare questa città bellissima, io sono rimasta a bocca aperta dall'architettura dei palazzi, specialmente nel centro, che rispecchia molto il periodo di dominazione araba.
Ma continuiamo il giro per la città.
Se siete alla ricerca di chiese e monumenti da fotografare non potete perdervi Plaza de la Reina (accessibile al traffico veicolare) e proseguendo Plaza de la Virgen (pedonale sia la piazza che la zona limitrofa). Di questa piazza parlerò più avanti perchè è oggetto di una bellissima festa che si svolge ogni anno e merita qualche parola in più.
Se alla sera volete bere qualcosa in compagnia e gustarvi il piacere della "movida" potete "andar de copas" (cioè a bere).
Le zone più popolate di bar, pub e club sono Cánovas, il Barrio del Carmen (dove c'è il miglior assortimento di locali alternativi e modaioli) e la Ciutat Universitaria, in particolare lungo Avenida de Blasco Ibáñez e nelle vie che circondano Plaza de Xuquer.
Se oltre a bere volete anche ballare, sulla playa de la Malvarosa vi aspetta "el Caballito de Mar" una discoteca all'aperto aperta fino all'alba.
Ma rimaniamo un momento alla playa de la Malvarosa. E' praticamente l'unica spiaggia esistente, è spiaggia libera in cui non troverete nè uno sdraio nè un ombrellone ed oltre ad essere molto lunga è anche larga, nel senso che prima di arrivare alla riva del mare c'è quasi un chilometro di sabbia finissima e bollente.
Di fronte alla spiaggia, lungo il paseo vi è l'imbarazzo della scelta fra ristorantini dove potrete gustare la paella e tapas oppure alcune "cafeterias".
Dietro al paseo vi è la zona del Cabanyal, che vi consiglio vivamente di non visitare di giorno (specialmente le fanciulle).
Spostiamoci ora in periferia, zona El Saler, dove si trova l'ultimo nato della città: la Ciutat de les Arts i de les Ciencies.
E' un grande centro ludico di diffusione scientifica e culturale, ubicato nell'antico letto del rio Turia e si estende su una superficie approssimata di 350.000 m2. E' un'opera di avanguardia a livello mondiale destinata a convertirsi nell'emblema del secolo XXI per la città di Valencia e per tutta la Comunidad Valenciana. E' composta prevalentemente dal Palau de les Arts (dove si tengono rappresentazioni artistiche, musicali e teatrali), dall'Hemisferic (con spettacoli di cinema), dal Museu de les Ciencies "Principe Felipe" (per conoscere i progressi della scienza e della tecnologia) ed infine l'Oceanografic, una città sottomarina per conoscere i segreti delle profondità marine. Quest'ultimo merita sicuramente due parole in più. Infatti è costituito da 11 edifici o torri sottomarine localizzate intorno ad un grande lago centrale. Queste torri sono comunicanti in superficie per mezzo di passerelle fluttuanti mentre nel livello inferiore da passaggi e rampe. I nuclei centrali delle torri sono dotati di ascensori e scale per salire e scendere nei due livelli. E' dotato inoltre di un ristorante sottomarino, quindi mentre sarete a tavola avrete miriadi di pesci di specie diverse che vi nuoteranno intorno.
E' sicuramente uno degli acquari più spettacolari e più grandi del mondo.
Infine per concludere il nostro viaggio virtuale a Valencia, non si può non parlare della festa tradizionale, la cosiddetta "Fallas".
Durante il mese di marzo si trasforma in una immensa piazza di festa. Nell'incrocio principale di ogni zona appare un monumento di cartapesta, cartone, legno e sughero che costituisce il centro della festa. Sono vere e proprie opere d'arte realizzate da "artistas falleros" che si tramandano tale tradizione di padre in figlio. Un museo unico al mondo nato per essere distrutto dopo aver compiuto la sua missione, cioè mostrare la parte negativa delle cose, che deve essere ridicolizzata e poi bruciata. Difatti tutte le fallas della città (anche quelle infantili) saranno bruciate la notte di san Josè (19 marzo), a mezzanotte in punto, momento nel quale la festa termina.
Dal 1' di marzo fino al 19, nella plaza de l'Ayuntamiento alle due del pomeriggio migliaia di persone presenziano alla "mascletà"; non si tratta nient'altro dello scoppio di botti, ma la particolarità è che i botti scoppiati contemporaneamente sono tantissimi, quindi trema il suolo e lo scoppio si sente anche in periferia. Se siete delicati di orecchie evitate di trovarvi nei paraggi! Nella settimana che va all'incirca dal 10 al 19 marzo praticamente la città si ferma, non lavora nessuno e passano tutta la giornata per strada o nei casali (capannoni allestiti in mezzo alle strade, dove si mangia, si balla e si sta in compagnia). E' in questa settimana che si svolge la "Ofrenda", una processione che parte contemporanemente da ogni zona della città. Indossando gli abiti tipici spagnoli da ogni angolo di Valencia escono vistose comitive che convergono tutte in Plaza de la Virgen per portare rami di fiori alla Virgen de los Desamparados e seguite ciascuna dalla banda. Migliaia di fiori arrivano quindi ai piedi della Patrona e trasformano la piazza in un autentico giardino. In questa piazza è collocata in cima ad un'impalcatura di legno la statua della Vergine e man mano che arrivano le comitive con i fiori, questi vengono attaccati all'impalcatura fino a coprirla completamente. Si completa così il vestito di fiori della Vergine.
Io ho avuto la fortuna di vivere ogni momento di questa festa ed è spettacolare, quindi se volete visitare Valencia fatelo sicuramente in questa settimana, muniti di un buon paio di scarpe, macchina fotografica e rullini di foto in quantità.
Buon viaggio!

Scusate, forse mi sono dilungata troppo, ma vi assicuro che ho scritto solo le cose essenziali!

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 17477 volte e valutata
55% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
Eccellente

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Amane_82 pubblicata 18/10/2015
    eccellente
  • matutteame pubblicata 21/09/2015
    Eccellente Grazie :)
  • Auri_ pubblicata 01/09/2015
    Ci andrò sicuramente!! Ho visitato solo Barcellona della Spagna e anche Valencia merita sicuramente una visita. Opi davvero eccellente!!! :D
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Offerte "Valencia"

Informazioni sul prodotto : Valencia

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 18/07/2000