Viaggi del Ventaglio - Ventaclub Playa Maroma (Messico)

Immagini della community

Viaggi del Ventaglio - Ventaclub Playa Maroma (Messico)

> Vedi le caratteristiche

82% positiva

28 opinioni degli utenti

La tua offerte non ha dato alcun risultato

Opinione su "Viaggi del Ventaglio - Ventaclub Playa Maroma (Messico)"

pubblicata 29/04/2007 | bijou77
Iscritto da : 31/01/2005
Opinioni : 36
Fiducie ricevute : 4
Su di me :
Ottimo
Vantaggi una bella pausa dal nostro mondo
Svantaggi troppi gli italiani
molto utile
Rapporto qualitá prezzo
Qualitá
Assistenza al cliente
Collocazione
Arredamento

"...Bon ton nel viaggiare.."

Il titolo desterà curiosità.... ma il perchè della scelta ve lo spiegherò più tardi.

Il Villaggio: intanto non si chiama più "ventaclub" perchè è stato recentemente acquisito dalla catena spagola "Hotel Catalonia" facendolo pertanto diventare "Catalonia Playa Maroma".

Leggendo le altre opinioni prima di partire ero già assai scettica, ma mi sono davvero ricreduta.

L'hotel dista esattamente 35 minuti dall'aeroporto e poco di più da Cancun, 20 min da Playa del Carmen (zona commerciale, assai commerciale ma unico punto per raggiungere l'isola di Cozumel e per fare incetta di gadgets o magliette).

L'hotel ha si una passeggiata di circa 800 mt che collega hall/teatro/ristorante principale a spiaggia/piscina/ristoranti/diving ma camminare anche al caldo non è sembrato affatto spiacevole considerando che siete immersi in una riserva naturale tra mangrovie e specie protette così come iguane, coati (un tipo di procione-scimmia) e granchio blu (in estinzione e splendido).

4 ristoranti e 1 snack bar: il Pajarito (buffet, colazione pranzo e cena), La Tortuga (mediterraneo, pranzo e cena), Tio Pedro (messicano, pranzo e cena), La terrazza (a pagamento, crostacei e simili), La palapa (apertura 11-18).

Dato che per lavoro accosto anche al settore catering, per esperienza vi dico che non sarà mai paragonabile alla cucina italiana D.O.C. ma ciò che offrono è assai più che buono.
Il Pajarito, ad esempio, offre cucina internazionale ma sempre hanno pizze e pasta (2 su 3 tipi è squisita, solo una volta l'abbiamo trovata scotta), poi piatti locali e internazionali. Al limite dovrebbero variare un po' di più le pietanze (e l'ho segnalato in direzione che con sollecita cortesia hanno preso nota per segnalarlo agli chef)

Animazione: non invasiva e simpatici. Non abbiamo mai avuto modo di lamentarci, cordiali, attenti, cercavano di invogliare i clienti nelle attività ma senza insistere o "rompere", per cui noi che volevamo relax siamo stati davvero accontentati ma non "emarginati". Il programma non è neppure fitto di iniziative, ma qui ci sono soprattutto clienti che vogliono relax e magari non sono tutti giovanissimi (il gioco dell'uovo e dell'ubriaco sono già troppo per alcuni).

Diving: bravi istruttori (noi già brevettati), belli i fondali anche se quelli di Cozumel sono assai più gratificanti (da non perdere.... testuggini, ippocampi, ecc).

All inclusive: deletereo perchè il rischio è quello di non darsi uno stop alle porzioni... e poi quando si torna a casa ci si deve riabituare a tirare fuori il portafogli...

Camere ampie e molto carine.

Medico: non abbiamo avuto il "piacere" di conoscerlo ma certo è che in tutti i villaggi riceve per sole 2 ore al giorno (da contratto standard) ma per emergenze esiste una sorta di guardia medica (come nel servizio sanitario italiano).

Il tasto dolente: gli italiani....

Premetto, è da 23 anni che viaggio abitualmente, e in tutto il mondo. E con mia grande fortuna ho avuto la possibilità di vedere qualità stili diversi nel gestire l'hotellerie internazionale ma soprattutto mi hanno insegnato a "non fare litaliana". Si perchè, e lo dico con un po' di imbarazzo, tristezza e con tanta rabbia, noi italiani siamo dei pessimi viaggiatori (nel generale, s'intende) lagnosi e incredibilmente ipocriti. E con questo intendo che magari dalle nostre parti accettiamo ristoranti e servizi mediocri spendendo cifre assurde solo perchè un locale alla moda o simili. Ma all'estero critichiamo tutto e non possiamo nemmeno pensare di stare lontani dalle nostre abitudini (alimentari) e costumi. Ma perchè allora partire? Perchè lagnarsi se il caffelatte non è quello a cui noi siamo abituati (il leche con café, americano, non può avere lo stesso gusto se nel buffet non hanno la macchinetta per gli espresso!), perchè lagnarci del caldo (se hai scelto il messico come meta magari ci pensi prima), perchè intasare la macchina che tosta il pane tagliando in pezzi piccoli una baguette, accorgersene e fare finta di niente con le persone in fila che vedranno il proprio pane bruciato e bloccato negli ingranaggi senza poi poterlo più tostare?
Perchè gli americani, noti nel campo turistico come torturatori pignoli di staff e agenzie di viaggio erano tutti soddisfatti? e pure i tedeschi!

Uffa.

Valutazione della community

Questa opinione è stata letta 3232 volte e valutata
100% :
> Capire la valutazione di quest’Opinione
molto utile

La tua valutazione su questa opinione

Commenti su questa Opinione

  • Alberto1984 pubblicata 01/03/2008
    ciao, per caso c'è il wifi in camera o in qualche hall?
  • NitroxMax pubblicata 03/05/2007
    informazioni poco attendibili
  • misterxx pubblicata 29/04/2007
    perfetta descrizione
  • Sei d’accordo con quest’Opinione? Hai qualche domanda? Effettua il log-in con il tuo account Ciao per poter lasciare un commento all’autore Connettersi

Prodotti simili più popolari

Informazioni sul prodotto : Viaggi del Ventaglio - Ventaclub Playa Maroma (Messico)

Descrizione del fabbricante del prodotto

Ciao

Su Ciao da: 21/11/2001