Goodbye American Dream

1  05.09.2005

Vantaggi:
La storia è imperfetta .  .  .

Svantaggi:
l'instabilità

Consiglio il prodotto: No 

baol70

Su di me:

Iscritto da:06.04.2005

Opinioni:375

Condividi questa opinione su Google+
In media l'opinione è' stata valutata molto utile da 20 utenti Ciao

Prego accendete il televisore, se non lo avete già fatto. Stavolta non si commenta se il goal della Juventus era fuorigioco o chi condurrà il festival di Sanremo. In questi giorni (pieni di sgomento, di orrore, ancora di morte) abbiamo avuto la sensibile e tangibile impressione che il sogno americano ( o quella minima parte che ancora sopravviveva a se stessa) è finito, dimenticato, seppellito.
Il re é morto, w il re.
Gli USA sono in ginocchio, chiedono aiuto al mondo per fare fronte ad una drammatica emergenza.
Quello che é successo a New Orleans ed in generale dalla parte di Usa colpita da Katrina dimostra che la natura é inarrestabile, ha un proprio corso e la tragedia colpisce non solo poveri popoli affamati tahilandesi ma mette in crisi quello che ad oggi (e non ci sono dubbi) é il padrone politico, militare (e per almeno il 70%) anche economico) del mondo.
L'America vacilla. L'America della signora Robinson, del NBA, di Norma Jean, di Bill Gates. L'America non riesce a prevedere né tantomeno a gestire un'emergenza. L'America é fatta di città distrutte, massacrate, violentate, preda di bande di facinorosi. L'American dream, quella corrente di pensiero sterile, ossequiosa, servile per cui in america le cose funzionano e tutto ciò che di paradiso la terra può offrire é made in Usa, non può esistere più. Verrebbe da dire che oggi abbiamo di fronte l'agonia dell' "USA e getta".
Non starò ad elencare tutta una serie di lamapanti segnali del lento ed inarrestabile declino del mondo perfetto a stelle e strisce. Ma l'11 settembre (ma come, a New york è possibile che..) e poi le tragicomiche premesse e poi sviluppi della guerra in Iraq hanno messo a nudo profonde crepe. I grandi ed imbattibili imperi, la storia insegna, non vengono mai sconfitti, ma collassano su stessi, muiono per implosione.
Il re é morto, w il re
Ora abbiamo un colosso americano dai piedi d'argilla. L'era Bush, tronfia e piena di controsensi non credo che verrà giudicata bene dai posteri. Ora che un mito indistruttibile é crollato da solo, occorre stare attenti e pensare gli scenari futuri. Il mondo nei prossimi anni vivrà dei profondi cambiamenti, ci saranno scosse, colpi e contraccolpi, instabilità, non serve essere Zarathustra o il mago Merlino per affermare quanto sopra. La guida politica ( e putroppo spirituale) denuncia segni di cedimento, non pare più inattaccabile e nemmeno invincibile.
Tutta la mia solidarietà alle vittime della tragedia ed al popolo americano per intero. Nel dramma non esiste la politica.
Ma mi auguro che il prossimo sogno universale degli esseri umani sia fatto di meno coca Cola, sia condito con meno ketchup e sia più sostanzioso, più digeribile per un vecchio palloso sognatore come me.
Goodbye, American dream.


Condividi questa opinione su Google+
Link Sponsorizzati
Valuta questa Opinione

Che utilità avrà questa Opinione per una persona che sta prendendo una decisione d'acquisto?

Istruzioni su come votare

Commenti su questa Opinione
killbill88

killbill88

20.08.2008 14:21

gli usa sono anche questo

Asiuletta

Asiuletta

24.02.2008 17:05

... o meglio: sulla tastiera !!!!

Asiuletta

Asiuletta

24.02.2008 17:05

Molto, molto, molto pungente, sempre... Mi piace il fatto che tu non abbia peli sulla lingua !

Pubblica commento

max. 2000 caratteri

  Pubblica il tuo commento


Le valutazioni dell'Opinione
Questa Opinione su La Politica estera è stata letta 280 volte ed è stata così valutata dagli iscritti:

"Eccellente" per (46%):
  1. gioline
  2. sonia575
  3. el_despertar
e ancora altri 10 iscritti

"molto utile" per (46%):
  1. killbill88
  2. Asiuletta
  3. manuela.g1980
e ancora altri 10 iscritti

"utile" per (4%):
  1. Eliseobeat

"poco utile" per (4%):
  1. filgabry

La valutazione generale di questa Opinione non si basa solo sulla media delle singole valutazioni.